fbpx

A chi non è mai capitato di avere giramenti di testa quando ci si alza di colpo dal letto, ci si corica oppure quando si compiono movimenti improvvisi? Sono tante le persone che lamentano questo tipo di problema, ma la maggior parte di loro tende a sottovalutarlo. La causa principale potrebbe essere la vertigine parossistica posizionale benigna, che si sviluppa nella parte più interna dell’orecchio, da cui dipendono appunto le sensazioni di sbandamento che colpiscono gli individui.

Il Dottor Angelo Vella, fisioterapista, posturologo e osteopata con sede in Villa di Briano (CE), ha voluto fare chiarezza sull’argomento spiegando cosa accade al cervello poco prima della sensazione di vertigine. “Il problema delle vertigini a letto non è poco comune. Bisogna seguire alcuni consigli semplici prima di rivolgersi ad uno specialista”, dice il Dott. Vella. L’esperto, inoltre, ha fornito alcune delucidazioni sul come comportarsi quando si avvertono giramenti di testa o sensazioni di sbandamento.

CHE COS’È LA VERTIGINE PAROSSISTICA POSIZIONALE BENIGNA?

Come detto in precedenza, la vertigine parossistica posizionale benigna si sviluppa nel labirinto, organo dell’equilibrio che si trova nella zona più interna dell’orecchio, contenente le cellule sensoriali dell’equilibrio. Un ruolo di primaria importanza lo giocano gli otoliti, particelle di ossalato di calcio che ad ogni movimento della testa stimolano le cellule sensoriali, il cui compito è di trasmettere l’impulso ricevuto al cervello.

“Sdraiarsi o alzarsi dal letto, oppure chinarsi all’improvviso causa un movimento degli otoliti che stimolano le cellule dell’equilibrio, provocando una vertigine violenta. L’individuo avvertirà la sensazione di vedere la stanza girare attorno a sé, massimo per trenta secondi, associata a sintomi come nausea o sudorazione fredda”, spiega il Dott. Vella.

QUALI SONO LE CAUSE DELLE VERTIGINI?

Le cause da cui scaturiscono le vertigini possono essere tante. Tra le più comuni, però, annoveriamo sicuramente il trauma cranico, anche di lieve entità, avuto nelle settimane precedenti. Altra causa è la carenza di vitamina D, che va ad incidere sulla composizione degli otoliti per un alterato assorbimento di calcio nell’orecchio interno.

COME COMPORTARSI CON LE VERTIGINI?

Quando si avverte una sensazione di vertigine, il consiglio è di mantenere ferma la testa e fissare un punto per non peggiorare lo sbandamento. Poi, compiere con cautela tutti i movimenti quotidiani. Se il problema dovesse persistere, si può ricorrere ad una visita otorinolaringoiatrica per confermare la diagnosi di vertigine e scegliere il percorso di cura più corretto.

“La visita servirà a verificare il corretto funzionamento dell’intero apparato dell’equilibrio ed a definire una diagnosi più completa dopo l’esecuzione di alcuni esercizi fisici. Grazie alla diagnosi, lo specialista opterà per il percorso di cura più adatto sulla base dei sintomi riscontrati”, spiega il Dott. Vella.